Filastrocche

Tutù museta

Verona

Nonna Teresa

Dialetto

Tutù tutù Musetta

la mama vien da messa

con le tettine piene.

Ciamar le santoline;

le santoline cria,

Pla mama scapa via.

La scapa dal caretaro,

il caretaro ze ‘ndà par ciodi

par giustare la caretea,

par comprare che sciopetin,

par copare chel oselin,

che tuta note canta.

Canta la quaia,

canta al quaioto,

salta al foso,

spandi l’asedo,

becheghe on deo ,

levesù putei che ormai ze dì!

Traduzione

Tutù tutù Musetta

la mamma vien da messa

con le mammelle piene

per chiamare le madrine.

Le madrine piangono,

la mamma scappa via,

scappa dal carrettiere.

Il carettiere è andato a cercare i chiodi

per aggiustare la carriola,

per comperare quel fucilino,

per ammazzare quell’uccellino,

che tutta la notte canta.

Canta la quaglia,

canta il quagliotto,

salta il fosso,

versa l’aceto,

beccagli un dito,

alzatevi bambini che ormai è giorno!

Home