Luogo: Romania

Fonte: Cugino Daniel, raccolta da Lucaci Eduard.

La steaua

La steaua care-a rasarit
E-o cale-atāt de lunga,
Ca mii de ani i-au trebuit
Luminii sa ne-ajunga.

Poate de mult s-a stins īn drum
Īn departari albastre,
Iar raza ei abia acum
Luci vederii noastre,

Icoana stelei ce-a murit
Īncet pe cer se suie:
Era pe cānd nu s-a zarit,
Azi o vedem, si nu e.

Tot astfel cānd al nostru dor
Pieri īn noapte-adānca,
Lumina stinsului amor
Ne urmareste īnca.

La stella

La stella che sorgeva
Si tratta di un lungo cammino,
Che migliaia di anni hanno avuto
La luce per raggiungerci.

Forse era spenta
Nel blu lontano,
E si va in questo momento
Luci nostra visione,

stella che L' icona della č morta
Lentamente sale in cielo:
Era quando non si vede,
Oggi la vediamo, e non c'č.

Cosģ, quando il nostro desiderio
Morģ nella notte profonda,
La luce spenta amore
Ancora ci segue.




Immagine di una stella
FILO'